LA MORTE ( Pietro Girolametti)
Si la misuri cr metro tereno,
la morte pare cieca, pare matta,
do' chiappa chiappa, ariva in un baleno
e parti co' 'na scarpa e 'na ciavatta.
 Te fa ved che stronca 'n giovinetto,
ch' pieno de speranze e de vigore
e lascia campicchi  'n pro vecchietto
che brama de mor contnno l'ore.
Te fa ved ch'a 'n padre de famija
lo stnne senza tanti comprimenti
e chi nun porta danno 'n ze lo pija.
Un Santo l'ha chiamata anche sorella,
l'omo per je manna  'n accidenti:
chi vle  'na parente come quella ?!

Un filo de speranza (G. Terenzi) 

Vedi com' la vita tante vorte?
 un ricco che sentiva avvicinasse
l'ora de fa' li conti co' la morte, 
decise a chiama' un prete e confessasse.

"Dimme, fijolo, vi che te confesso?"
 "Ma certo, padre, voi ce lo sapete
 che e peccati io n'ho fatti spesso; 
ma adesso so' pentito, me credete?"

"Ma come nun te credo, fijo mio!
 A 'st'occasione tutti se pentisce
Sarvo quarcuno che non crede in Dio. 
Ma quilli tu lo sai do' che finisce..."

"Ma allora padre posso sta tranquillo: 
io ci creduto sempre ar Padreterno!". 
"E mica basta crede solo a quillo? 
Co li peccati pure c' l'inferno!"
 
"Nun se potrebbe, Padre, co'n milione 
a famme d 'na messa fatta vne
che possa 'n po' cambia' 'sta punizione?" 
"Non basta, figlio, pe' cambia' le pene."

"Sentite, Padre, io non so' busciardo,
 nun la dovete prenne pe' 'n'offesa:
l drento quella cassa c' un mijardo 
ve'r lascio tutto quanto pe' la chiesa:
se trova 'na speranza de sarvezza?"
 "Ma benedetto fi jo, tu ce'r sai,
  nun posso ditte sci con sicurezza; 
per... se po tenta'...non se sa mai".


LE SORE DE CLAUSURA (Pietro Girolametti)

E' come tante lampade viventi,
ch' arde d'amore puro e se conzuma
senza che te le vedi n le senti,
perch vive nascoste, ma profuma
de carit e de pace tutt'el mnno
inquinato da l'odio e dar peccato,
facnno penitenza gi da  'n fnno
de  'na cella, felici de  'st stato.
E' pallide le facce come cera, 
coj'occhi che brilla come stelle,
i labbri conzumati de preghiera,
ci tutte  'l nome uguale de sorelle.
E quanno  'n giorno una se ne mre,
la gente de quaggi nun ce fa caso,
ma su l'artare de  'ste pre sre
c'  'na rosa de meno drentr'ar vaso......

 

Le due confessioni (G. Terenzi)

 "Adesso, Ann, che ormai me so 'nvecchiato 
vojo che sappi, prima de morimme,
che 'n tempo quattro vorte t'ho 'ncornato.
 Non ci provato mai tu de tradimme?
Guardeme vene, Ann, tu ce lo sai
che 'r tempo cre e noi semo a le porte;
dimme la verit, l'hai fatto mai?
E si l'i fatto, dimme, quante vorte?"

"L'ho fatto sci, tanto l'aveo promesso 
che un giorno te 'rdiceo, perch negallo!
Per ogni corno, P, che io t'ho messo 
un acino de riso per segnallo
lo trovi drento quella cazzarola, 
quella lass, coperta con quer piatto".
Peppe cor fiato stretto da la gola,
 l'apr; per ciarmase soddisfatto
perch da piedi ar fanno vide drento 
un acino de riso ormai ingiallito.
"Si solo quisto, Ann, be! Me contento
 me ne credeo de pi fece 'r marito
"Per non te scord rispose Annetta  
che quanno tu 'hi dovuto ner ventotto
 f quella cura pe' quell'urceretta,
tre vorte te ci fatto anche er risotto".


j'ufo ( P. Girolametti )
(Gli oggetti volanti sconosciuti)

 Nun dice sci chi n quir che vle,
 se vede quann' notte o quann' giorno,
ma 'n ze spiega coi gesti o le parole,
 se limita a giracce sulo attorno.
Chi sa da do' ver? 'L mistero fitto, 
j scenziati se spreme le capocce 
pe!  stabbil perch, co' que diritto,
 loro ce vne a roppe le saccocce.
E' terestri, lunatici, marziani?
 Nisciuno sa risponne a 'sta domanna.
Sar russi, cinesi, americani?
 Se p sap chi che ce li manna?
Certo ch'osserva quillo che facemo 
sopra 'sta nostra disgrazziata tra,
sci quanto l'omo diventato scemo,
 co' s e co' j'attri eternamente 'n guera.
Per dev'sse pieni de sapienza.
 Si 'nfatti 'n ze l'arf coj'abitanti,
 sicuramente de nojattri penza: 
'nnate a mor 'mmazzati tutti quanti!

 

Er trappolaro der paese (G. Terenzi)

Ci 'n gatto Peppe, je piasse 'n corpo, 
se non far 'na mezza quintalata.
Ma quant' tristo l sto veccamorto! 
T'ammazza se te tira 'na zampata.
Se 'r vedi all'improvviso te spaura.
 Chi n'er conosce dice ch' 'n somaro!
Tu pensa che j'ha fatto su misura 
per da magn un fanno de callaro.
Fatte 'n'idea tu si che bestiaccia!
Me disse Peppe 'na vorta all'apertura
 che se port stu gatto p'ann a caccia:
fu denunciato su, dalla questura!
 Du' pecorari a Collepaganello
 che stava co' le pecore da 'n fosso
  j'ammazz er cane, je sgozz l'agnello, 
ce manc poco 'n je sart 
anch'addosso.
Dopo de quella volta co' 'sto fatto
leg 'sta vestia fora l dall'aia.
Nun senti pi che miagola 'sto gatto:
quanno vede quarcuno... adesso abbaia


La cartella "dcche" ( P. Girolametti )

Astucci, vorze, diari e quaderni 
nun vale gnente sci nun firmati,
 tocca 'ggiornasse
 coi tempi moderni, 
ch tanto smo ormai ricchi sformati.

Tanti, cusc, da le cartolerie,
 te compra "Pucci", "Barbi", "Benettone",
le paga care, sc, 'ste sciccherie, 
ma l'importante facce 'n figurone.
Sci loro dopo pa quattro a scla,
 quanno s'arprta a casa la pagella,
 quarcosa armno c' che l'arconzla:
 l'ha messa drento a 'na cartella vlla...

 

Nonno Torquado (G. Terenzi)

 Se nonno Torquado anc campava, 
io ce scommetto, se armorisse adesso,
sui preti come quillo la pensava, 
quello c'ha fatto l'arfaria lo stesso.
Non che nonno ar prete non credeva 
perch ner prete nun credeva a Dio;
non lo potea ved perch dicea:
 lu' deve fatic come fo io.
Ecco, quanno mor de mar de core, 
perch non vorze prenne i sacramenti,
come li prenne tanti quanno more: 
io penso perch stava in sentimenti;
e pi ce penso e pi me persuado.
 Perch quanno che nonna chiam er prete
 e quisto disse a nonno: 
"Torquado, c' ancora 'na speranza, lo sapete?
Sete pentito der comportamento 
ch'avete fatto verso nostro Dio?
Tu basta che me dici: sci, me pento,
 che al resto, Torqua', ce penso io.
M'ascorti, Torquado? So' Don Ciro! 
Capisci l'importanza 'e 'ste parole?"
Ma nonno che sapea qual era el giro
 faceva 'I finto tonto:" le vrasciole?"
Je risponneva assente co' lo sguardo. 
"Non parlo de vrasciole, ma de Cristo,
quel Cristo che t'ha fatto 'n po' testardo. 
Capisci di chi parlo?..." "Chi Callisto?"
"Lo so che, Torquado, tu capisci: 
inutile a fa finta, sei alla fine; possibile
 che ancora 'nte pentisci?
" E nonno 'i arbatteva:"Le fascine?"
So che 'sto poru prete, 
dopo n'ora de tentativi fatti inutirmente,
disse alla para nonna:
 "Qui, Signora, finch capisce, 'n posso facce gnente".

 

 

El tempo ( P. Girolametti ) 

E' mesi che c' secca su la tra, 
la ne manca e 'n vne j'acquazzoni;
certo per corpa de l'effetto sra
 s' 'rvorticate tutte le stagioni.
Regioni calle, spesso sotto zero,
 mentr'i paesi friddi sta' all'asciutto,
'n ce s'accapezza gnente per daro,
 cor rischio che t'affoga o 'bbruscia tutto.
A forza de gioc co' la natura,
 e de cammi le regole der monno,
l'omo ci dato 'st'attra fregatura 
e 'nziste pe' mannacce tutti a formo.
E' 'rmasto 'n munellitto, dar cervello,
 per quisto se comporta a 'sta magnra,
ch sci capisse pi de 'n tantinello,
 nun scherzerebbe co' 'na porveriera.




Non volenno je scapp (G. Terenzi)

 - Don Pie'
  s'intenne sempre a pagamento
  se tratta qui de nun pass da fessi,
ce manca a noi tre sacchi de cemento. 
Sa, tante vrte, quanno tu confessi ...

Ma fijo mio, ste cose me se chiede? 
Me chiedi de svela' la confessione d'un
cristiano ancora che ce crede?
 Lasciamo perde, sa, sta discussione!
Don Pi, guarda che Checco 'na carogna. 
'Sta robba che ce manca, chi l'ha presa?
Non credi tu, don Pi, ch' 'na vergogna?
 Serviva pure pe' mur la chiesa!
- Fatt, nu me di gnente e nun insiste! 
Verso er padr c'avrai pure ragine;
ma a domannallo a me, che te consiste?
 Che non rispetti pi la religione?

Sarebbe bella che te riccontassi che 'sti tre sacchi,
 Checco c'ha fregato,
l'ha messi da la stalla sotto i sassi!
 
A di' ste cose, so scomunicato".




" I cinque referndumme" ( P. Girolametti ) 

De crisi de gorno e d'elezzioni 
el popolo itajano s' stufato; 
quir che se vede da 'sto pro Stato
 ci rotto a tutti quanti li minchioni.
Per me sa ch'mo toccato el formo: 
co' cinque referendumme per vrta
qual' 'l cervello che nun ze rivrta? 
Nun che fama ride a tutt'el mnno?
Tra i "sci" e i "no", te sentirai che scena! 
Ha' voja a fa' le schede colorate...
E '1 risurtato ne var la pena?
 Che sci je famo la radiografia,
chi ce guadammia da certe trote 
la cartiera e la tipografia!




Cera na vorta (G. Terenzi)

 C'era 'na vorta mamma
  accant'ar fco co' quattro fij ancora piccolitti
che quanno da magn ce n'era poco,
 ce raccontava per tenecce zitti:
"C'era 'na vorta 'n orco da 'n castello, 
oppure c'era er lupo e cappuccetto"
 e c 'sta nanna de 'sto ritornello uno 
per vorta ce portava a letto.
 C'era 'na vorta questo ar tempo mio.
C'era la muffa drento la credenza, 
ci stava vabbo ch'mprecava Dio, 
ma da li fiji c'era l'innocenza.
 
Ci stava l'innocenza co' la fame, 
che tant' vero mamma pe' levalla
quei giorni che mancava a vorte er pane,
  'mpastava 'na farina tutta gialla.

S'adesso, pra mamma, raccontasse: 
"c'era 'na vorta 'n orco co' na strega" 
a quisti che ci tutto pe' sfamasse, 
po' darzi j risponne: "qu ce frega".

Adesso n'ze po' di "c'era 'na vorta"
 perch prima de tutto la credenza
piena d'ogni vne d'ogni sorta,
 
e per zeconno non c' pi innocenza.




I risurtati elettorali ( P. Girolametti ) 

 Finito '1 carosello elettorale, 
i partiti dichiara ai quattro venti d'sse tutti
contenti vne o male, 
ch'era previsti i pochi "slittamenti". 
La Cammera ci qualche sedia 'n pi, 
ce n' quarcuna 'n meno dar Senato,
  le forze come prima su per gi.
Se p sap allora chi ha 'bbuscato? 
E' chiaro: si nun i puliticanti, perch pe' quanto
p sembravve strano, 
quilli l vince sempre tutti quanti
a perde stato 'l popolo itajano.




Per chi pagamo le tasse? (G. Terenzi)

Quanno che da un paese 
come el nostro sti chiacchieroni de politicanti
vle imparacce un attro Paternostro 
dovemo st un po' all'erta tutti quanti.
E' un pezzo 'sti signori che promette
 l'aumenti per la gente che produce,
l'aumento che c' stato le bollette der gasse, 
der telefono e la luce.
Con questo mica dico a non pagalle! 
Le tasse necessarie e va pagate,
per cercate pure de mannalle 
in base a lo stipendio che ce date!

Prennemo adesso a caso 'na famija 
e annamo a d 'no sguardo a la penzione
per vede un operaio quanto pija. Potr camp?
 Ma in quale condizione?

 Incominciamo da le trattenute;
l'otto per mille se lo pia lo Stato, 
un'attre ventimila la salute
e diecimilalire el zindacato.
 
Con quello che ciarmne ha
da campacce sempre nella dovuta ristrettezza
paganno er fabbisogno per magnacce
pi l'acqua co l'affitto e la monnezza.

Queste sara le tasse che subisce 
chi sta paganno tutti sti quattrini
 senza sap nemmeno do' finisce; 
ve pare giusto, cari cittadini?
Ve pare giusto a voi che in un paese 
per colpa de 'sto vento
 che ce tira dovemo sempre noi pag 
le spese per chi non ha pagato  mai 'na lira?
 I tempi non pi come 'na vorta quanno de notte
 tu tranquillamente poti lasci 
la chiave da la porta; oggi t'ammazza
pure pe no gnente!

 Volemo fa 'na cosa che assicura 
un ordine e giustizia al cittadino? 
Potete anche chiamalla dittatura
ma cento vorte mio a 'sto casino!

 
Un filo de speranza
Vedi com' la vita tante vorte?
 Un ricco che sentiva avvicinasse
l'ora de fa' li conti co' la morte, 
decise a chiama' un prete e confessasse.

"Dimme, fijolo, vi che te confesso?
" "Ma certo, padre, voi ce lo sapete che
de peccati io n'ho fatti spesso; 
ma adesso so' pentito, me credete?"

"Ma come nun te credo, fijo mio! 
A 'st'occasione tutti se pentisce
Sarvo quarcuno che non crede in Dio.
 Ma quilli tu lo sai do' che finisce..."

"Ma allora padre posso sta tranquillo:
 io ci creduto sempre ar Padreterno!".
"E mica basta crede solo a quillo? 
Co li peccati pure c' l'inferno!"
"Nun se potrebbe, Padre, co'n milione
 a famme d 'na messa fatta vne
che possa 'n po' cambia' 'sta punizione?"
"Non basta, fijio, pe' cambia' le pene."

"Sentite, Padre, io non so' busciardo, 
nun la dovete prenne pe n'offesa:
l drento quella cassa c' un mijardo
  ve'r lascio tutto quanto pe' la chiesa:
se trova 'na speranza de salvezza?
" "Ma benedetto fijo, tu ce'r sai,
nun posso ditte sci con sicurezza; 
per... se po tenta'...non se sa mai".








I vicoli der Borgo ( P. Girolametti )

 Sci, de 'sti vicoli io so' 'nnamorato,
 me piace pi der Corzo e der Viale, sar
perch qui 'n mezzo ce so' nato 
e ci diviso '1 bene 'nzieme ar male.
Le cose qui 'mpregnate de ricordi
 e 'ncora pi sent da 'gni finestra
le madri ch'urla ai fii, che fa' da sordi, 
d'artornasse ch' cotta la minestra.
Qui '1 fornaro, co' '1 fabbro e 'l carzolaro 
'n artefice e 'nzieme 'n perzonaggio,
 'n orno semprice, forze 'n po' somaro, 
che la vita ha 'ffrontato co' coraggio.

E' 'n pezzitto de monno riservato 
a 'n popolo puro e genuino,
senz'artificio arcuno e 'bbituato
e chiam 
pane el pane e vino el vino.

Pe' noi munelli, tutti i vicoletti 
era pi de 'n castello cor giardino,
 pe' gioc a beccalossi o coi sassetti, 
barattolo francese o nasconnno.
 Spesso me pija voja d'arvedelli,
ce pro sempre 'sto richiamo strano: 
come dosse artorn quei tempi vlli quanno
 tutti se daca 'na mano.




Er motorista matto (G. Terenzi)

 - E' vero, N, ch' armesso drento Antonio?
 Eppure ero convinta che arpiasse.
- Eh, invece l'ha 'rportato al manicomio. 
Quillo sta male, Arm, deve curasse.
Allora proprio, N, non se guarisce?
- Questo non se po' d, 
ma i professori ci detto qualche vorta
 che capisce, basta non se ricordi dei motori.

Se non avesse avuto 'sta passione
ma manco ce pensaa lontanamente
de faje alla sorella quell'azzione.
Ma que j'ha fatto, N, mica so gnente.

- Ieri mattina, Nunzia, la sorella, 
quanno l'ha vista core, l'ha chiappata,
te l'ha legata co 'na cordicella,
ha preso 'n pezzo de carta vetrata
e incominci a sfreg sopre 'sta testa 
come se raschia 'n cerchio de 'n fornello.
 Quanno sentimmo i strilli, Arm, 
de questa no j'era armasto pi manco 'n capello.
Que c'entra li motori co 'sto fatto?
E' quello che j'ho chiesto a la stazione 
quanno so' gito a 'ccompagn 'sto matto.
 Lo sai che m'ha risposto in conclusione?
- Tu la conosci vene, no, Nunziata?
 Siccome troppo grassa e non po' core 
ha detto le sbassava la testata
pe aumentaje i giri der motore.



Tutti vri, Sanniccol. ( P. Girolametti ) 

Come cmmia 'l mnno e i sentimenti! 
Ch'invoca pi Sanniccol de Bari,
 'na vrta '1 protettore de' studenti,
 spce de quilli ch'era pi somari?
Quann'uno 'n'impara la lezzione 
o ciava paura de l'esame basta recit quarch'orazzione
pe' 'n'ariman l come 'n zalame. 
"Sanniccol mio, famme la grazzia d'av 
la sufficienza 'n itajano, 
c' la professoressa che me strazzia, 
vedi 'n po' de potmme da' 'na mano!".
 Oh, 'sto Santo para che t'ascortasse! 
E quanno ch'era 'l giorno de la festa 
tocca fa' la fila a confessasse, a fasse bened bene la testa.
sso per nisciuno pi t'el prega,
 chi se ricorda pi de certi Santi?
J studenti de oggi se ne frega: 
tutti vri e passa tutti quanti!





La storia der Presepio (G. Terenzi)

 Parecchio tempo fa
  dice er Vangelo 
Maria rimasta incinta immacolata

er volont lass del Re del clo 
a dette a S. Giuseppe maritata.
Non fece manco a tempo de sposasse 
quanno ' ariva a casa un documento
do' c'era scritto:
 "Urgente a presentasse presso l'ufficio addetto ar cenzimento".
Non c'era da scherz, era un comanno.
 I sposi se prennettero per mano
e un poco a piedi e 'n poco camminanno
 part verso Betlemme piano piano.
Tu guarda quanno dice le sfortune! 
Dopo 'sta caminata ch'avea fatto ce
 trova scritto fri dar Comune: 
"Sciopero per rinnovo der contratto".

"Ma guarda un po'" esclama la Madonna  
"E mo do' gimo? fece
S. Giuseppe A 'st'ora poi chi vi che ce risponna?
Le trattorie, sicuro, piene zeppe! 
Domani qui a Betlemme c' la fiera,
i commercianti greci e perziani i posti se l' presi ieri sera;
che fama qui, Mar, fino a domani?
"
"Fama 'na cosa, P, ma damme rtta:
me vai a sent laggi da quel locale 
se pe stanotte ci 'na cammeretta; 
io, P, no j la fo, me sento male".
 Infatti la Madonna, poveretta, ch'avea
finito ormai la gravidanza 
incomincia a sent quarche do~etta der Fijo
che portava da la panza. 

Dopo un minuto ccote er marito che vne su
 tutto mortificato.
 "Allora, P, ch'ha detto? Ce si gito?"
Ma zitta 'n po', lo sai do' m'hi mannato? 
In mezzo a 'na decina l de donne
co tutti veli, l'occhi pitturati,
 senza carzetti, co le minigonne,
un posto riservato pe i sordati!
" "Provamo un po' Pepp, da quer portone".
E S.Giuseppe bussa n'attra vrta.
 "Chi de soffo?" "Sete voi er padrone?
Scusate ci mi moje stracca morta,

qui fri friddo; questa ci le dje, 
ce faccia ripos pe 'na mezz'ora".
"No, no per carit, non vojo noje 
e chi la sente dopo a la signora!"
"Senti Mari, provamo da 'sta villa 
e poi cercamo qui de fa fagotto ch tanto pure qui,
 poi sta tranquilla, che ce risponne come a quella sotto".
La porta non z'apr, 
rimase chiusa, 
a tutti dispiaca pe la signora
chi pe 'na cosa chi pe n'attra 
scusa e questi rimaneva sempre fra.
"Stamme a sent Mar je fa er marito  
'na cammera n'ze tra manco a pagalla,
s'annassimo a cerc da n'attro sito? 
Ce vasta pe stanotte anche 'na stalla!"
"Annamo, P, me sa che ciai ragione:
 tanto me pare qui che l'emo visto:
non vojo partor fra 'ste perzone 
nemmeno per fa 'n torto a Gesucristo".
E fu cusc ch'er Zanto poverello 
trov come sapemo 'na cappanna do c'ra 
li 'na vacca e 'n zomarello, 
pe riposasse come Dio comanna.
Intanto la Madonna s'era messa vicino, 
pra vestia, a quer zomaro che
se teneva su pe 'na scommessa, 
per mettese dar friddo un po'a riparo.

Tutta 'na vrta cco li dolori 
de quelli quanno proprio se capisce
che la cratura vle scapp fri, 
de quanno che la donna partorisce.
"Coraggio, su Mar, cerca a sforzatte!
" "Peppino mio! Ci ho tutte l'ossa rotte,
Tu senti er core mio quanto me vatte!
" Lontano aggi sonava mezzanotte.

All'urtim'ora se sent un lamento 
e mentre tutti se godeva er zanna 
Maria dava alla  luce in quer momento 
El Salvator de tutto quanto er Monno.



Chiesetta abbandonata ( P. Girolametti )

 Ne la chiesetta mezza diroccata 
c' 'rmasto '1 vecchio artare 'mporverato, du' sedie,
uarche panca sgangherata 
e quir confessionale scascillato. 
Dei quadri appiccicati su p'el
muro se srva 'na Madonna 'ddolorata, 
un pianto amaro bagna el viso puro,
 la veste azzura tutta scolorata. 
Chi sa que fine ha fatto la campana?!
 La porta principale scardinata,
 dar tetto vne gi l'acqua piona. 
E' come fosse stata bommardata. 
Eppure, nonostante 'st'abbandono, 
se sente la presenza der Zignore,
'na voce che sussura
 "ve perdono" vibra nell'aria e penetra dar cre.




Vecchio treno a vapore ( P. Girolametti )

 A vedette l fermo e ruscinito,
 sopra 'n vinario morto me fa male: 
te t'arzomij a 'n vecchio ch' finito 
malato cronico gi pe' 'n ospedale.
 S 'na carcassa inutile
e scartata, abbandonata senza comprimenti, 
che 'n zerve pi a niscuno e destinata 
a compar tra mille patimenti.
 Ma 'n tempo eri lo spasso dei munelli, 
quanno  cori allegro e spenzierato,
 fumnnote el carbone dei fornelli 
e fischianno e sbuffanno  a perdifiato.
 
fatto sempre 'l bene a tutti quanti, 
senza guard n 'l nome n 'l colore 
de le perzone,
 caregginno avanti 'ndietro
 la gioia 'nzieme cr dolore. 
Nisciuno pi ricorda  chi s stato,
nisciuno pare t' riconoscente, 

s come 'n omo sulo e disgrazziato 
che  mre 'n mezzo a gente 'ndifferente.