Atlantide - Mu - Lemuria

Fra tutti i misteri della terra, quello delle civiltà
scomparse è certamente uno dei più affascinanti: soprattutto stimola

la fantasia la leggenda di isole inghiottite dai mari, sulle quali
in tempi lontani sarebbero fiorite splendide città"

Una di queste leggende è molto vicina a noi: secondo la mitologia celtica,
tra le coste della Cornovaglia in Inghilterra e le isole Scilly sarebbe esistita
un tempo una terra emersa su cui si trovava il regno di Lyonesse, civilissimo
e splendido. Nel V secolo dopo Cristo l'oceano avrebbe all'improvviso
inghiottito Lyonesse. e soltanto un uomo dl nome Trevilian sarebbe riuscito
ad evitare la morte e a narrarne i fatti. I suoi ascendenti hanno ancor oggi sullo
stemma un cavallo bianco: quello sul quale il loro antenato avrebbe raggiunto la salvezza. La leggenda più affascinante, nota fìn dai tempi antichi, è però quella di Atlantide.In una sua opera famosa, il "Crizia". Platone descrive una grande
isola che, in base a una tradizione molto diffusa nell'antichità, sarebbe

sorta davanti all’attuale stretto di Gibilterra. Quest'isola si sarebbe chiamata Atlantide e
sarebbe stata più grande della Libia e dell'Asia Minore messe insieme. A quanto pare,
Platone aveva ricavato le sue informazioni da uno scritto dl Salone, vissuto nel VII secolo
 a.C.
Atlantide, narra Platone, era abitata da un popolo di grande civiltà. discendente dal dio
Poseidone e da un mortale di nome Clito, aveva stupende città e un ordinamento sociale
perfetto. Col tempo però gli Atlantidi avevano perduto le loro qualità positive e avevano
 voluto invadere l'Europa: il Crizia di Platone avrebbe dovuto descrivere questa grande
 battaglia. però il racconto si interrompe dopo la descrizione della decadenza morale di
 Atlantide e la decisione presa dagli dei di punire gli abitanti. in un'opera successiva, il
 "Timeo", Platone narra che Atlantide sprofondò in mare.

Le moderne ricerche geologiche sembrano confermare il racconto platonico: gli studiosi pensano infatti che con ogni
probabilità un grande continente possa essere esistito anticamente nella parte settentrionale dell'Atlantico: Groenlandia.
 Azzorre e Canarie ne sarebbero gli ultimi residui.
Ma Atlantide non è certo l'unico continente scomparso: tra l'Australia e
l'America del Sud, al disotto delle isole Hawai, sarebbe esistita Lemuria: Il nome deriva da! "lemuri", antica famiglia di
proscimmie dl cui nel secolo scorso lo zoologo Inglese P.L. Sclater trovò i fossili nelle zone meridionali dell'india e nella
provincia sudafricana del Natal Per spiegare la somiglianza di tali fossili. Sclater ipotizzò l'esistenza dl una terra (Lemuria.
appunto), che In epoche antichis-sime avrebbe occupato l'attuale Oceano Indiano unendo l'india meridionale e l'Africa del
Sud. L'idea di un "ponte" che un tempo avrebbe unito le attuali terre emerse suscitò molto interesse tra i sostenitori delle teorie
 evoluzionistiche. e il famoso biologo Ernest Haeckel formulò addirittura
l'ipotesi che la perduta Lemuria corrispondesse al
giardino dell'Eden, culla della razza umana.Anche Lemuria sarebbe sprofondata in mare: antiche leggende polinesiane parlano
 di due grandi isole, abitate rispettivamente da uomini di pelle gialla e nera, in continua lotta tra loro, e sprofondate in mare per
 volere degli dei che volevano punire gli uomini della loro malvagità e durezza di cuore. Residuo di Lemuria sarebbe stata poi
l'antica terra di Mu, dove sarebbe fiorita una civiltà molto avanzata, base delle civiltà della Cina, dell'india, della Persia.
dell'Egitto, della
Mesopotamia e della Grecia. Queste ipotesi sono sostenute dal colonnello inglese James Churchward, che
ne tratta nel suo libro "The lost continent of Mu" (ll continente perduto di Mu): Churchward, che era vissuto a lungo In India,
 aveva conosciuto qui un sacerdote Indù che gli aveva mostrato una biblioteca di tavolette di pietra scritte in naacal, la lingua
originaria di Mu. Secondo Churchward e anche in base a certe tradizioni orali delle isole del Pacifico, gli abitanti di Mu
avrebbero posseduto conoscenze tali da esser nettamente superiori a quelle attuali. Circa 12.000 anni fa Mu sarebbe sparita
nell'ocea-no a causa di una esplosione di gas di portata inimmaginabile. Certe vestigia tuttora esistenti (le gigantesche teste
dell'isola di Pasqua e le costruioni ciclopiche riscontrabili su molte isole del Pacifico) sarebbero opera della gente di Mu, che
 aveva Imparato a dominare la forza dl gravità: oggi ci chiediamo infatti come gli indigeni di quel luoghi abbiano potuto
 trasportare tali pesi... Leggende affascinanti, queste relative ai continenti perduti, di cui ancora l'uomo sogna.  

Tratto da : " Il mito di Atlantide e i continenti scomparsi" di  L. Sprague  De  Camp.
                 " Civiltà scomparse " P. Giovetti 

Home
Fabrianoedintorni

Foto antiche

Storia di fabriano

Il palio

Dintorni di fabriano

Artisti fabrianesi

Piatti tipici

Annunci Gratuiti

Turismo

Significato nomi

Misteri

Storia della lira

Storie dei lettori